Prodotti di borsa: alla scoperta dei certificati d’investimento

Tra i prodotti di borsa di cui si sente parlare sempre più spesso, dobbiamo ricordare i certificati di investimento, meglio conosciuti semplicemente come certificates. Che cosa sono? Quali vantaggi comportano? Quali regole è bene prendere in considerazione per intraprendere questo investimento al meglio? Cerchiamo di rispondere insieme a queste domande. I certificati di investimento sono strumenti che vengono emessi direttamente da una banca e che hanno come caratteristica principale la possibilità di incorporare diverse strategie finanziarie raffinate in un solo strumento. Anche gli investitori privati quindi hanno in questo modo la possibilità di muoversi sul mercato come fossero dei veri e propri professionisti. I certificati sono inoltre prodotti di borsa che sono quotati sui mercati ufficiali e che sono quindi anche ben regolamentati. La liquidità è garantita, soprattutto perché la banca effettua delle proposte di acquisto e di vendita in modo costante. Il trattamento fiscale inoltre che è possibile ottenere è davvero vantaggioso. Oltre a questo, ci sentiamo in dovere di sottolineare che sono presenti molti diversi profili di rendimento e di sottostanti, nonché molti asset class. C’è insomma la possibilità per ogni tipologia di investitore di scovare l’investimento perfetto per il proprio budget, per i rischi che si desidera correre, per il livello di protezione che si vuole poter ottenere.

Per quanto riguarda la protezione del capitale, gli investitori possono mettere sotto protezione il 100% del capitale oppure una sua parte. Ovviamente la possibilità di mettere sotto protezione il 100% del capitale è la scelta ideale per tutti i risparmiatori che vogliono investire i soldi che hanno messo da parte con fatica e determinazione nel corso degli anni, ma che non hanno alcuna intenzione di andare incontro alla perdita neanche di un centesimo. Come è facile comprendere però, ad un rischio così basso corrisponde un guadagno non poi particolarmente elevato. Nel caso in cui si voglia ottenere un guadagno migliore, meglio scegliere un capitale parzialmente garantito o addirittura un capitale non protetto. Ovviamente però si tratta di una scelta che è bene ponderare, in quanto c’è la possibilità di perdere una parte dei prodotti soldi.

Ho abbastanza soldi da parte per fare una scelta di questa tipologia? Nel caso in cui io perda una parte del capitale, mi troverei a vivere una situazione economica disastrosa o per me non cambierebbe poi molto? Ho le competenze per controllare con attenzione il mercato e il suo andamento? Sono queste le domande che è bene porsi. Focalizziamo un attimo l’attenzione sull’ultima domanda. Un investitore privato non ha certo le competenze di un investitore professionale, ma questo non significa affatto che non possa essere informato sul mercato e sul suo andamento e che non possa diventare bravo ad investire i propri soldi. Per riuscire ad ottenere tutto questo è necessario leggere, essere sempre informati sull’argomento, studiare, cosa questa che comporta un bel po’ di tempo a disposizione e anche tanta pazienza e costanza. Credeteci però se vi diciamo che questi sforzi si ripagano da soli, perché riuscirete in questo modo a scegliere l’investimento migliore e a muovervi sul mercato minimizzando i rischi.

Leave a Reply