Prestito convertibile : come funziona

prestito-convertibile

Il prestito convertibile è un obbligazione ordinaria che consente all’investitore di andare a variare le obbligazioni possedute durante la durata dell’emissione. Le modalità di variazione vengono fissate al momento dell’emissione del titolo e seguono le clausole fissate con l’istituto finanziario.

La principale caratteristica di un prestito convertibile è la possibilità di convertire al momento del rimborso le proprie obbligazioni con altre titoli, anche di specie diversa ma di uguale valore. Questa caratteristica offre a chi sottoscrive un’obbligazione ordinaria convertibile la possibilità di partecipare in maniera attiva all’incremento del prezzo dell’azione. I prestiti convertibili possono avere tasso fisso o tasso variabile, in caso di interessi variabili la variazione del tasso viene indicata al momento del contratto in relazione di alcuni parametri stabili dall’istituto. A scadenza del titolo può avvenire il rimborso oppure la conversione con altre azioni.

I prestiti convertibili sono titoli di credito nominativi o al portatore che possono avere una durata tra i 18 mesi e i 5 anni. Per quanto riguarda gli importi non ci sono limiti, trattandosi di un prodotto finanziario di segmento alto, in genere, si ricorre all’emissione di un prestito convertibile per importi che sono superiori al milione di euro.

Leave a Reply